martedì 11 dicembre 2007

Dipende da Carinola

Attualmente dalle informazioni che ci sono pervenute l'unico che in qualche modo può bloccare la discarica di Carabottoli è solo l'amministrazione del Comunale di Carinola. Che in qualche modo
può annullare la delibera che in maggioranza ha approvato. Per questo il sindaco Di Biasio che noi pensiamo sia in buona fede sottoposto a pressioni costruttive e sane potrebbe insieme alla sua amministrazione eliminare la delibera e bloccare la discarica di Carabottoli.

4 commenti:

jena ha detto...

E' indispensabile un azione che coinvolga tutti i comuni limitrofi di Francolise. Non possiamo sottostare ai politici per affari.

Anonimo ha detto...

PER LA QUESTIONE CARABOTTOLI NESSUNO DEVE ESSERE RINGRAZIATO

Fa piacere che i giovani siano sensibili ad un dramma del genere. Tutto il territorio ne è esposto, c' è di mezzo la salute pubblica, l' economia locale, il territorio e tanto altro ancora. Tuttavia mi permetto comunque di esprimere un concetto che penso possa esservi di aiuto in questa e altre battaglie future. Tutti, ma proprio tutti, abbiamo il dovere, chiamiamolo morale, di scendere in piazza, per la questione Carabottoli, ma non per fare il piacere a questo o a quello, è un piacere che ciascuno fa a se stesso e ai propri cari. Nessuno di noi quindi deve essere ringraziato da qualcuno. Vedete, chi ringrazia lo fa perchè ha avuto un favore dall' altro (in questo caso gli altri siamo noi), nella fattispecie in esame il contributo che l' altro dà, lo dà a se stesso e quindi per questo non deve essere ringraziato( non possiamo ringraziare noi stessi per un bene che ci facciamo), perchè "quei qualcuno", in questo modo e cioè ringraziando gli altri (quindi noi) in modo molto sottile e diplomatico direi anche subdolo, tendono a prendersene i meriti, meriti di una azione o di un contributo che alla fine danno a loro stessi, come gli altri, facendola, però alla fine, diventare una questione politica di merito, da trarre a proprio vantaggio e da spendere in circostanze future. Dico questo perchè in questi giorni sento tante, troppe persone che ringraziano, ma ringraziano per che cosa........per un ' azione o un 'niziativa che serve anche a loro stessi e ai loro familiari? Chi si fa promotore di un' azione, in genere, ha già avuto la sua paga, e consiste nell' allacciare rapporti con tutti gli altri interlocutori, istituzionali e non, la loro "vetrina - paga" l' hanno già avuta, ecco perchè non devono ringraziare gli altri, significherebbe essere pagati due volte, ma con l' aggravante che in questo secondo caso, chi è stato ringraziato viene posto in una posizione di riconoscenza nei confronti di chi ringrazia e noi ripeto non possiamo essere riconoscenti per un bene che facciamo a noi stessi, ringraziando qualcun altro. Scusate per il gioco di parole.

Quindi ragazzi, attenti a non farvi fregare e perseguite uniti l' obbiettivo al di là dei colori politici e dei fini espliciti e impliciti di "qualcuno".

per Cittadinanzattiva, assemblea Territoriale di S. Andrea del Pizzone

Dr. Giuseppe Lanna

Anonimo ha detto...

io sono dell'idea che un comune come il nostro che si è sempre dato da fae sul piano della raccolta dei rifiuti (vedasi la buona riuscita della differenziata, l'acquisto dei mezzi di trasporto dei rifiuti ecc ecc)non possa cedere ad essere la discarica della campania per via di questi giochi di potere e di queste scappatoie burocratiche...
non condivido per niente la mossa che ha fatto il sindaco di Carinola che incassa i soldi, fa bella figura ma poi ci mette la "monneza" sotto casa nostra...non si rende conto che non è solo il nostro paese a rimetterci??ci rimetterà l'economia, già poco florida, di tutta la zona...

NON MOLLIAMO...

nel chiudere lancio un appello ai manifestanti: facciamo qualcosa di eclatante per non farci ignorare dai mass media!!!!!

Anonimo ha detto...

Vorrei dire a questi signori politici dei Comuni fino ad arrivare al Governo perché invece di pensare alle ecoballe o agli inceneritori non pensate a costruire, come hanno fatto in Germania ed altri paesi europei,il "CICLO INTEGRATO TRA RIDUZIONE ALLA FONTE CON RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA, COMPOSTAGGIO,TRATTAMENTO MECCANICO BIOLOGICO A FREDDO" ???Questa secondo gli scienziati italiani, ai quali non danno mai voce i mass media, e la migliore soluzione al problema dei rifiuti.